La Fondazione Conservatori Riuniti di Siena, il Club Unesco Siena e

RadioSienaTv

presentano

 

UNA GRANDE FAMIGLIA ITALIANA

I CHIGI E LA LORO ASCESA DA SIENA A ROMA

 

Cardinal Flavio Chigi by Jacob Ferdinand Voet

 

 

 

Conferenza del Prof.

 

Mario Ascheri

 

(Università Roma 3)

 

MARTEDI 22 DICEMBRE 2015

 

h. 17.00

 

Una chiave interessante per leggere i fatti del nostro territorio e la vocazione internazionale di Siena è data dalla storia dei Chigi, i nobili che hanno segnato il modo di vedere e di vivere anche Roma – in contatto continuo con Siena. Sarà utile ripercorrere, dalle origini, la storia di una delle famiglie più importanti d’Italia, nota a tutti anche per il grande palazzo sede del Governo italiano. Ma la storia dei Chigi cominciò a Siena anche se poi, come per altre famiglie senesi, essa registrò un salto di qualità con il trasferimento di alcuni suoi membri a Roma. Qui, dopo la fondazione da parte del padre di una filiale bancaria, Agostino Chigi finì per avere un ruolo primario nei primi decenni del Cinquecento: negli affari e nell’arte con vicende clamorose poco note peraltro senza perdere i contatti con Siena, dove autorevoli esponenti della famiglia continuarono ad operare.

Il legame tra i Chigi di Siena e di Roma fu sempre presente e, oltre un secolo dopo, un altro Chigi, il cardinale Fabio, ascese al soglio pontificio con il nome di papa Alessandro VII, “il Papa del Bernini” e di piazza San Pietro, e suo nipote il cardinale Flavio si dedicò a molti progetti con realizzazioni importanti anche oggi. I Chigi seppero portare certe qualità positive dei Senesi a Roma, non dimenticando mai la città d’origine tanto che sistematicamente ci riversarono benefici non irrilevanti; la Chiesa di San Raimondo al Refugio ne è una tra le prime testimonianze.

NELL’ANNO DEL CONTE GUIDO E DEL GIUBILEO E QUINDI DEL PAPA DI PIAZZA SAN PIETRO, RICORDARE LA FAMIGLIA IN UNA SUA CHIESA RICCA DI STORIA E DI ARTE SARA’ UN MODO ELEGANTE E COLTO DI SCAMBIARSI GLI AUGURI PER IL PROSSIMO NATALE!

La Chiesa sarà eccezionalmente visitabile dal pubblico alle ore 16:00. Nell’occasione si potranno ammirare una selezione di ceramiche della Fondazione.